GNU/Linux: Monitorare le Temperature, i Voltaggi e le Ventole

12.11.2016 13:20

 GNU/Linux: Monitorare le Temperature, i Voltaggi e le Ventole

In ambiente GNU/Linux (Facendo riferimento a distribuzioni GNU/Linux Debian-Based) cè la possibilità di monitorare le temperature interne del sistema, i voltaggi dei componenti e le RPM (Rotazioni per minuto) delle ventole, molto semplicemente tramite l'uso del pacchetto hardinfo che comprende a sua volta il pacchetto lm-sensors, disponibili entrambi nei repository ufficiali di Ubuntu Precise Pangolin. Hardinfo fornisce un'interfaccia grafica che oltre ai sensori mostra diversi valori e informazioni del nostro sistema e del nostro hardware.

Andiamo quindi ora a vedere come installare ed utilizzare hardinfo per monitorare dal sistema i sensori interni nella maniera più semplice. Apriamo un terminale e diamo il seguente comando per installare hardinfo:

  • sudo apt-get install hardinfo

"sudo" è necessario per i privilegi di root, obbligatori per installare pacchetti. Il terminale ci mostrerà che verrà installato anche lm-sensors (Necessario per la lettura dei sensori) e ci chiede se vogliamo procedere. Rispondiamo con S ed invio. In alcune distribuzioni hardinfo potrebbe essere installato senza lm-sensors, in questo caso si procede ad installare direttamente lm-sensors da terminale. Più avanti nella pagina trovate anche quest'opzione. Hardinfo si può installare anche da un gestore pacchetti come Ubuntu Software Center o Synaptic, nel caso non lo si voglia fare da terminale. Una volta finita l'installazione, possiamo visualizzare i diversi sensori hardware con questo comando da terminale:

  • watch sensors

Così ci verrano mostrati i sensori presenti e le loro rilevazioni, monitorandole ad intervalli di 2 secondi. Altrimenti per avere un solo screen dei rilevamenti diamo:

  • sensors

Ecco più o meno come si presenterà a discrezione dei vostri sensori:

  

In questo caso possiamo vedere per prima la temperatura della GPU della scheda video, i voltaggi, gli RPM delle ventole (In questo caso 0 RPM, non avendo ventole collegate alla scheda madre ma all'alimentatore), e infine le temperature del processore e del northbridge della scheda madre.

Per uscire dalla schermata dei sensori ci basterà premere CTRL+C.

Nel caso che non ci interessi un'interfaccia grafica, ma solamente monitorare i sensori dal terminale, possiamo installare direttamente il pacchetto lm-sensors senza hardinfo, con il comando da terminale:

  • sudo apt-get install lm-sensors

Una volta installato il pacchetto lanciamo sempre il comando per visualizzare i sensori nel terminale:

  • watch sensors

Se siamo interessati anche alle temperature dell'hard disk, possiamo osservarle o dal programma Gestore Dischi presente di default in Ubuntu e derivate, oppure installiamo il pacchetto hddtemp:

  • sudo apt-get install hddtemp

Possiamo installarlo semplicemente con questo comando da terminale, oppure se preferiamo l'interfaccia grafica tramite un gestore pacchetti, come per hardinfo (Ubuntu Software Center, Synaptic, Ecc.), hddtemp è presente nei repository ufficiali di Ubuntu. Una volta installato lanciamolo da terminale con privilegi di root ("sudo") per visualizzare così le temperature degli hard disk:

  • sudo hddtemp /dev/sda

La "a" finale di "/dev/sda" può essere un'altra lettera (b,c...), dipende dalla posizione data al vostro hard disk. Normalmente se abbiamo un hard disk solo, si troverà in /dev/sda. Il comando ci darà un output del genere:

Tornando invece ad hardinfo, in più se ne apriamo l'interfaccia grafica vediamo che comprende anche la possibilità di fare dei brevi benchmark del processore, molto semplici, per darci un pò l'idea del nostro sistema (Se prendiamo dal menu a tendina di hardinfo Informazioni -> Network Updater -> Synchronize ci mostrerà i benchmark anche di altri processori in modo da fare un paragone):

I benchmark che offre sono:

  • C PU Blow    fish
  • CPU CryptoHash
  • CPU Fibonacci
  • CPU N-Queens
  • FPU FFT
  • FPU Raytracing